G     IO    CO
   
          IO

  D     IO


A     M    O R       E

      M   O R    T E

                  R   
         I       SCH        IO
_____________________________________________________


Al-lusione   (ad-ludere: portarsi nel gioco)
Col-lusione (cum-ludere: giocare insieme)
Il-lusione     (in-ludere: entrare nel gioco),
De-lusione   (de-ludere: uscire dal gioco)



hanno tutte un etimo derivante dal latino:  

ludere : giocare ,

ludo : gioco.

Nei giochi.....dei bambini, in quelli della vita, della lingua, nell'azzardo....
c'è sempre una componente fondamentale:

il rischio:

Rischiare è  esporsi,  mettere-in-gioco

tutta la propria esistenza, interamente,
non solo attraverso una comunicazione  mediata e filtrata da "cliché",
stereotipi convenzionali ,
in cui viene snaturata, fino a diventare solo finzione;
ma dove  tutto lo spazio  comunicativo è anche nell'espressione dei  sentimenti,
delle passioni e dei desideri ( di cui abbiamo perso i nomi);
e che  appaiono, scompaiono,  occhieggiano, oscillano, profumano, colorano,
musicano ,
in una parola , custodiscono l'autenticità non interamente svelata;

insinuandosi  nelle forme privilegiate  della metafora, dell'al-lusione ,
della leggerezza del cenno, dell'oscillazione tra il dire e il non dire, dell'ironia ;
e  che tuttavia non smentiscono e non tradiscono il corpo del  messaggio.

Al di fuori della dimensione ludica  pensiamo e
parliamo da un "luogo dove realmente non siamo",
per cui cio' che trattiamo e poniamo come nostro io
è solo un

fantasma .


E quando il gioco passa dall'io a dio, ci accorgiamo
che anche dio è coinvolto nel gioco dell'al-lusione,
della col-lusione, dell'il-lusione, della de-lusione
e del rischio.


Tra i giochi più pericolosi c'è il gioco "dell' amore e
della  morte",
e quello tra amore e morte,
dove il  rischio e il brivido sono al massimo della
tensione.


" ....l'eternita'
                                                     -dice Eraclito-

è un fanciullo che gioca  sui pezzi di una scacchiera:

di un fanciullo è il regno"


Nietzsche invece parla di  "eterno ritorno dell'uguale".....:

"...cos'è tutto questo affannarci nella serietà della nostra vita?...."

L'ultimo inganno perpetrato dall' il-lusione del nostro io.
______________________

senza  al-lusione, col-lusione, il-lusione  e  
e tanto meno, spero,  de-lusione